Vivere le virtù alla luce del pensiero del Cardinale Van Thuan

scritto da mercoledì, gennaio 29, 2014 0 No tags Permalink 0

Vivere le virtù alla luce del pensiero del Cardinale Van Thuan

Continua ad andare avanti senza sosta; non darti per vinto; nessuno segue colui che si volge indietro.
«Ad essi però non cedemmo, neppure un istante, perché la verità del vangelo continuasse a rimanere salda tra di voi.
Da parte dunque delle persone più ragguardevoli – quali fossero allora non m’interessa, perché Dio non bada a persona alcuna – a me, da quelle persone ragguardevoli, non fu imposto nulla di più» (Gal 2, 5-6; cf. Le 9,51).
«Il cristiano certamente è assillato dalla necessità e dal dovere di combattere contro il male attraverso molte tribolazioni, e di subire la morte» (GS 22; cf. LG 38; GS 21, 76; PO 13; AA56).

Non cedere alla sensualità; non cedere alla pigrizia; non cedere all’egoismo. Non puoi chiamare nero il bianco, cattivo il buono o disonesto ciò che è onesto.

Forse sei uno di quelli che dicono di «sì» a tutto
e sono disposti a ogni compromesso.
Allora, quale strada vuoi seguire?
Dire di «sì» a molti dèi?
Aderire a molte religioni?
Conformarti alle più varie norme morali?
Oppure hai una coscienza elastica che sa adattarsi a qual¬siasi situazione?
«Conosco le tue opere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo! Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca» (Ap 3, 15-16; cf. Ef 4, 4-5; Eb 13, 8-9).

Il rifiuto di accettare falsi valori non è superbia o egoi¬smo e neppure ostinazione: prova piuttosto la totale adesione al tuo ideale.

Tu sei pronto piuttosto a rinunciare alle ricchezze e alla posizione sociale, a rinunciare alla vita per salvaguardare il tuo ideale, il tuo onore e la tua fede. Non recedere mai da questo comportamento, perché ciò significherebbe perdere tutto.
«Ma quello che poteva essere per me un guadagno, l’ho considerato una perdita a motivo di Cristo. Anzi, tutto ormai io reputo una perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore, per il quale ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura, al fine di guadagnare Cristo» (Fil 3, 7-8).
«[…] imitando Gesù umile, non diventano avidi di una gloria vana (cf. Gal 5,26), ma cercano di piacere più a Dio che agli uomini, sempre pronti a lasciare tutto per Cristo (cf. Lc 14, 26) e a soffrire persecuzione per la giustizia (cf. Mt 5, 10) , memori delle parole del Signore: “Se qualcuno vuole ve¬nire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua” (Mt 16,24)» (AA 4; cf. LG 24; GS 38; PO 12; OT 10).

Indice
Vivere le virtù alla luce del pensiero del Cardinale Van Thuan
Nome articolo
Vivere le virtù alla luce del pensiero del Cardinale Van Thuan
Descrizione
Continua ad andare avanti senza sosta; non darti per vinto; nessuno segue colui che si volge indietro. «Ad essi però non cedemmo, neppure un istante, perché la verità del vangelo continuasse a rimanere salda tra di voi. Da parte dunque delle persone più ragguardevoli - quali fossero allora non m'interessa, perché Dio non bada a persona alcuna - a me, da quelle persone ragguardevoli, non fu imposto nulla di più» (Gal 2, 5-6; cf. Le 9,51).
Autore

Comments are closed.